Pensiero svanito | Vincenzo Vavuso - Arte concettuale Salerno | Vincenzo Vavuso

Vincenzo Vavuso
Vai ai contenuti

Menu principale:

File


torna a
bibliografia


RABBIA E SILENZIO
di Vincenzo Vavuso

L’evento e le ragioni di un progetto

Nel nero più del nero di questo mondo senza pace non riesco a trovare segnali forti di valori umani.
Squilibri, disuguaglianze, povertà, malessere, rapporti umani e sociali in crisi abissale… e il dolore, impotente, cresce a dismisura, si condensa ed esplode nella rabbia. Per diventare un dolore potente.
La mia rabbia si concentra nelle forme dell’Arte come aspirazione all’Armonia. Il mio desiderio di ripristinarla diventa più forte ed irrinunciabile, dove l’umana essenza è vilipesa dalla corruzione, dalla prevaricazione, dall’ignoranza arrogante e violenta.
In questa apocalittica allegria di naufragi, vorrei richiamare l’attenzione sulle emozioni celate dalle immagini, più che dalla parola.
Le mie opere, alcune prive di tela, sono caratterizzate da bruciature, squarci, lacerazioni, rotture e portano i segni della Cultura, dell’Arte, della Dignità calpestate, schiacciate, stritolate, umiliate.
Non voglio aggiungermi al coro dei comuni lamenti fini a se stessi, ma il mio grido, di delusione, di rabbia, di dolore, vuole essere un grido di amore e di speranza verso ciò che potrebbe essere e che invece è nascosto e soffocato dalla polvere della polvere.
E sogno … sperando che dal nero emerga finalmente il bianco!









Il coraggio illumina e può spingerti oltre il pensiero stesso! Sono un solitario e non voglio adeguarmi a questa società povera di sentimenti, fondata sul potere del Danaro, dell’Indifferenza, dell’Incultura.
Vado avanti comunque, perché credo in ciò che voglio e che sogno. Follia?  Non lo so. Ma certamente un’arma contro quest’orribile pochezza che mi circonda! Ho vissuto d’Arte, mi nutro del Fuoco dell’Arte e crederò nella forza del suo Sogno,
in nome della Speranza dell’Uomo, fino a quando l’ultimo barlume di luce non spegnerà i miei occhi.



 
 
vincenzovavuso@vincenzovavuso.it
Copyright 2014
Torna ai contenuti | Torna al menu