La tela del regno - Vincenzo Vavuso - Arte concettuale Salerno | Vincenzo Vavuso

Vincenzo Vavuso
Vai ai contenuti

Menu principale:

File


torna a
spider art



 




Titolo opera: La tela del regno
Anno di realizzo: 2015
Tecnica: Fusione e cristallizzazione
Dimensioni: 70x100x2
Relazione tecnica: Prof. Franco Bruno Vitolo


 

Descrizione  
Cromostruttura di cm 70 x 100 x 2  , formata da un rettangolo di fili materici intrecciati con larghezza, la maggior parte dei quali, soprattutto quelli esterni, con sfondo bianco, mentre un nucleo più resistente, su sfondo nero, è concentrato a chiazze verso il centro. La cornice, nera, si sviluppa, ma non si completa negli angoli laterali.  L’intero rettangolo è come sospeso, senza una tela d’appoggio, grazie anche all’effetto dei fili di materia fusa e cristallizzata.

Significato e messaggio
L’opera è una delle prime della nuova serie creativa di Vincenzo Vavuso, denominata Spider Art, con richiamo alla ragnatela che ci avvolge ma anche alla nostra possibilità di tessere ragnatele creative e costruttive in nome dell’Arte. È l’evoluzione ideale alla serie "Rabbia e Silenzio", che intende denunciare il violento attacco a cui sono sottoposte le qualità migliori dell’Uomo: la sua Dignità, la sua Creatività, la capacità di produrre Cultura, di vivere attraverso la sensibilità il sogno dell’ Arte.  Simbolo di questa serie è l’alternanza tra bianco e nero, come a dire la possibilità di scelta dell’uomo tra luce ed ombra, tra coscienza della coscienza e accettazione dell’incoscienza.
In quest’opera si richiama l’idea dello scontro tra bianco e nero, ma con la possibile vittoria del bianco, che ha quasi accerchiato il nero e dona la speranza di poterlo definitivamente sconfiggere, essendo cominciato il lavoro di erosione anche rispetto alla cornice. Il tutto avviene però in forma di tela di ragno, quindi con lentezza, sia pur con decisione, e con la sospensione nel vuoto in cui l’artista percepisce la vita dell’attuale società, tanto è vero che la mancanza della tela crea buchi reali ed il bianco di cui si è parlato assume identità e colore solo se trova il punto d’appoggio, nel nostro caso su una parete necessariamente bianca.

Valore del titolo
Il titolo  è un gioco di parole che richiama, come già detto, la tela del ragno, inserendo però il termine assonante "regno", che evoca l’idea e la speranza di un nuovo mondo in cui regnino finalmente la Cultura e l’Arte e sia affermata in pieno la dignità dell’Uomo. E non si debba più combattere "in sospensione".



 
vincenzovavuso@vincenzovavuso.it
Copyright 2014
Torna ai contenuti | Torna al menu